Reggetevi forte, forse abbiamo il successore di Pokémon GO, e (fortunatamente?) non ha a che vedere con la realtà aumentata

Nel 2016 e anche nei primi anni successivi al lancio, Pokémon GO è stato un fenomeno globale incredibile, tale da smuovere decine di milioni di giocatori e da far parlare di sé in lungo e in largo. A dirla tutta forse è proprio da Pokémon GO che sui dispositivi mobili non si è più registrato un successo del genere. Forse solo Genshin Impact ha fatto parlare tanto di sé, abbastanza comunque da permettere agli sviluppatori di guadagnare centinaia di milioni di dollari e da meritare edizioni speciali di smartphone e un fumetto dedicato.

Ma stiamo sviando. Per tornare sui binari, qualche giorno fa The Pokémon Company ha annunciato un nuovo gioco di carte collezionabili basato ovviamente sulle sue celebri creature virtuali. Il gioco in questione si intitola Pokémon Pocket e, almeno per il momento, sembra essere pensato esclusivamente per dispositivi mobili.

Segui SmartWorld su News

Canale Telegram Offerte

In realtà un videogioco di carte collezionabili legato ai Pokémon c’è già: si chiama GCC Pokémon Live, ed è disponibile anche su Windows e macOS. Non si può però certo definire un successo. Su Android ha collezionato poco più di 1 milione di download, quando Pokémon GO ne ha accumulati oltre 100 milioni. Guardando il trailer di Pokémon Pocket si ha però la sensazione di trovarsi di fronte a un qualcosa di diverso. Se non avete ancora avuto opportunità di vederlo, lo trovate qui di seguito. Dategli un’occhiata e continuiamo subito dopo a parlarne!

Pokémon Pocket sembra davvero essere pensato appositamente per creare dipendenza nei fan della serie. Gli elementi ci sono tutti: collezionare carte, illustrazioni esclusive dotate di animazioni speciali, funzioni pensate per scambiare le carte con gli amici, sfide online con le stesse dinamiche che hanno reso celebre la controparte cartacea.

A rendere il tutto ancora più stuzzicante c’è la promessa di avere due bustine al giorno gratis da aprire, con la simulazione dell’apertura e lo sfogliare il contenuto con swipe quasi come stessimo aprendo una bustina vera, e un sistema per gestire la propria collezione che funziona sulla falsa riga di un album.

La funzione di scambio potrebbe non essere disponibile al lancio, ma è una di quelle dinamiche che potrebbe sancire il successo del gioco. Ci sono poi le battaglie 1vs.1, alla base del gioco di carte di Pokémon, che però, dando retta al trailer, sono state rese più snelle e veloci. E nel caso aveste qualche dubbio sulla presenza dell’italiano, se il trailer tradotto dalla divisione italiana di Pokémon Company e Nintendo non fosse abbastanza, ecco tre carte tradotte nella nostra lingua, di cui due con l’illustrazione speciale animata che si vedrà in gioco.

L’uscita del Gioco di Carte Collezionabili Pokémon Pocket è prevista nel corso del 2024: recita così il sito ufficiale del gioco, e purtroppo non ci sono indizi o indicazioni di alcun tipo a riguardo dell’effettivo periodo di lancio. Se non altro, dal comunicato diramato da Nintendo si legge chiaramente che si tratterà di un titolo free-to-start. Di fatto viene usata una terminologia diversa dal solito free-to-play, probabilmente a indicare che per procedere nella collezione e per rimanere competitivi bisognerà obbligatoriamente spendere qualcosa tramite lo store in-app.

Le carte che appariranno in Pokémon Pocket sono di fatto quelle che fanno parte del gioco cartaceo, anche se, stando al comunicato ufficiale, arriveranno anche carte esclusive per l’app. Come forse saprete però, la controparte cartacea in alcuni kit include dei codici da riscattare in GCC Pokémon Live. Non è dato sapere se Pocket prenderà le redini diventando il punto di riferimento virtuale per il gioco di carte collezionabili, ma nel caso prendesse piede è molto probabile che lo diventi.

Dietro allo sviluppo di Pokémon Pocket si nascondo la società Creatures Inc., ovvero i responsabili del gioco di carte collezionabili (quello originale), e il publisher DeNA Co. Ltd, già partner di The Pokémon Company per lo sviluppo di Pokémon Masters EX. Sempre DeNA in passato ha collaborato con Nintendo per Super Mario Run, Fire Emblem Heroes, Animal Crossing: Pocket Camp e Mario Kart Tour.

L’articolo Reggetevi forte, forse abbiamo il successore di Pokémon GO, e (fortunatamente?) non ha a che vedere con la realtà aumentata sembra essere il primo su Smartworld.