La guida autonoma di Tesla potrebbe risparmiarvi una bella scocciatura

Sono anni ormai che Tesla sta affinando e testando la sua guida autonoma. Attualmente la sua versione più recente è in fase di test in beta negli Stati Uniti, e con l’ultimo aggiornamento è emersa una funzionalità molto interessante.

Con la versione 12 di Full Self Driving Beta di Tesla un utente ha scovato la funzionalità per cercare autonomamente il parcheggio in strada. Il video che trovate in basso ci mostra la funzionalità all’opera.

Come potete vedere dalla breve dimostrazione pubblicata su X dall’utente che ha provato la funzionalità di ricerca automatica del parcheggio, la Tesla autonomamente guida verso la destinazione impostata sul navigatore, anche se lo fa procedendo a velocità ridotta.

Una volta arrivata a destinazione l’auto non si ferma, ma programma un nuovo giro dell’isolato sul navigatore per continuare la ricerca del parcheggio. Tanto che alla fine riesce a fermarsi poco prima della destinazione per parcheggiare.

Immaginiamo che si tratti di una funzionalità che fa affidamento sull’accoppiamento tra l’intelligenza artificiale di casa Tesla e i vari sensori che le auto del marchio statunitense integrano a bordo. E ci aspettiamo che funzionalità del genere migliorino ulteriormente una volta che Tesla finalizzi la distribuzione della nuova versione del suo Full Self Driving, quella che integra le reti neurali definite end-to-end. Ne abbiamo parlato in questo articolo.

In ogni caso, la novità che sta testando Tesla si prospetta di un’utilità non da poco, soprattutto per coloro che si ritrovano spesso in zona altamente frequentate da auto, in cui la ricerca del parcheggio può richiedere diverso tempo e attenzione.

L’articolo La guida autonoma di Tesla potrebbe risparmiarvi una bella scocciatura sembra essere il primo su Smartworld.